sabato 19 ottobre 2013

Di Cibo e altro

Mi rendo conto che i post di ricette sono sempre più rari...
Stanno sempre più strette le etichette: vegan (prevalentemente? al tot %?), crudista (nooo, però sì, ma quanto, bhu, indefinibile).
Sento sempre di più le stagioni e mi sento sempre più selvatica (bè, più o meno, ma culinariamente parlando).
Mi rendo conto di cucinare e amare sempre più piatti che non richiedono alcuna ricetta: cavoli di tutti i tipi semplicemente spadellati (e senza olio); cereali integrali in chicco per lo più in bianco (a crudo aggiungo lievito, talvolta alghe essiccate, gomasio); insalata verde o verdure crude. La frutta si mangia così com'è e a seconda delle stagioni è la nostra merenda e/o colazione.
Credo che la cosa più elaborata che cucino è il tofu, i latti vegetali, qualche dolce e torta salata (e adesso devo senz'altro provare qualche formaggio veg ;-)).
Quello che mangiamo piacerebbe a pochi, è proprio vero che il palato si abitua, che si sentono meglio i sapori.
Apprezzo talmente i sapori semplici delle verdure, che quando faccio il cavolo del nostro orto non metto neppure le spezie, mi piace naturale.
Certo, i bambini invece apprezzano un po' più condito, sopratutto Nicolò, che vive anche la realtà della mensa scolastica e dei pasti dai nonni.
Per lui spesso si aggiunge un po' di condimento.
Ma le giornate scorrono così, piene e non saprei dire di cosa.
Ieri la giornata e la cena sono state per me la perfezione: sole, passeggiata (piccola e tranquilla), sufficiente a regalarci la cena e la merenda per oggi.
Laricini e castagne. Un po' di fascia è sempre piacevole per stare ancora un po' ad alto contatto.
E per cena basta una spadellata di funghi e castagne brusatà da sbucciare tutti insieme :-)




9 commenti:

Caterina LibereLettere ha detto...

Che post stupendo Isa.
Mi fai venire voglia di mollare ancora un po' di condimenti ed inselvatichrmi un po' di più.
La strada è quella, forse i tempi diversi.
I miei figli non troppo d'accordo ;)
Comunque siete stupendi come il post, davvero!

Sindel ha detto...

Ciao Isabella, ti seguo da qualche tempo, complimenti x il tuo blog!Mi ha molto colpita il fatto che mi trovo nella tua stessa condizione da qualche tempo. Rispetto a polpette e ricette elaborate, preferisco ormai semplici legumi bolliti e le verdure di stagione crude o appena saltate... Voglia di semplicitá! Chissá sará una sorta di evoluzione! :D un abbraccio e buon weekend!

Eduardo ha detto...

hai ragione Isabella... cucinando per se in modo semplice il palato si abitua sempre piú... un percorso a senso unico credo. Anche a me capita lo stesso, tra l'altro ora sto facendo un percorso interessante sul crudo e non credevo mi appassionasse cosí tanto! mmhhh... bella la cucina... quando poi é sana, ricca ed e' anche bella anche alla vista, beh che te lo dico a fare... io mi ci tuffo :) . Vegan :P

luby ha detto...

Siete stupendi e mi ricordate i bei tempi con mia madre,quando girar per boschi era normale,bellissimo e divertente.
Ora abitero presto di fronte ad un bosco,se avro figli le mie passeggiate torneranno come quelle di una volta,all insegna della natura.

Cesca QB ha detto...

Che belli che siete :)
Uh kle castagne quanto le amo, così poche in questi ultimi anni però da me :(( per non parlare del costo esorbitante di quelle in vendita.
Sullì'apprezzare i sapori semlpici ti capisco alla grande, delle verdure condite con salsa di soia possono rendermi felicissima, ultimamente vivrei di zucca al fono ^_^
Se avrai vogila di partecipare oggi ha inizio un contest sul mio blog, come premio 2 bellissimi libri di Erbaviola ;)

Ale ha detto...

Che meraviglia di raccolto! E' bello gustare tutti i sapori senza troppi condimenti e preparare piatti semplici ma gustosi! ^_^

Elenacrema ha detto...

Cara Isa, sottoscrivo in pieno...pur essendo la cucina una grandissima passione...il gusto si semplifica e 'purifica'...si cerca la semplicità, la qualità dei cibi...e basta...ma in tutto questo, credo che passeggiate e vita tranquilla siano essenziali per procedere in una sorta di cammino 'inesorabile'...che bello leggere quello che hai scritto!!

Yari ha detto...

Sì, confermo anch'io, nella quotidianità ormai prediligo anch'io i gusti puri degli ingredienti, ormai pochissimo olio e salsa di soia, zero sale. Il palato si abitua e soprattutto si affina sempre di più. Solo al peperoncino non riesco a rinunciare ;-)

erbaviola ha detto...

Quanto è vero il tuo "il palato si abitua, che si sentono meglio i sapori." ! Ti capisco benissimo perché anche io attraverso periodi in cui voglio solo cose semplici, meglio se arrivano dalle passeggiate dai boschi… a volte per un paio di giorni capita di mangiare solo quello!
Un abbraccio, siete bellissimi a spasso per il bosco, sono delle belle immagini di serenità,come quelle che arrivano dalle tue parole!